Consulenza

   
 

Home Page

Controllo di gestione e Basilea 2

In base al nuovo accordo sul capitale raggiunto dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (Accordo di Basilea 2), a partire dal 01/01/2007 le banche dovranno accantonare quote di capitale (Patrimonio di Vigilanza) proporzionali al rischio derivante dai crediti assunti.
Per quanto riguarda i crediti verso le imprese, il Comitato ha introdotto, al posto dell'unica ponderazione del 100%, quattro ponderazioni distinte (20%, 50%, 100%, 150%) dipendenti dal rating ottenuto da ciascuna impresa.
Alla luce dei suddetti vincoli le banche, nello svolgimento della loro attività di concessione del credito, seguiranno una delle seguenti alternative:
- Selezione accurata della clientela da affidare (rating elevati) in modo da non dover continuamente aumentare il patrimonio di vigilanza
- Concessione del credito anche a imprese con rating bassi o prive di rating, a costi elevati per bilanciare l'aumento dei costi interni legati all'incremento obbligatorio del patrimonio di vigilanza.
Pertanto le imprese con un rating meno elevato troveranno più difficile accedere al credito bancario e/o verranno loro applicati tassi di interesse più elevati.
Nel processo di rating il livello di rischio complessivo di un debitore viene calcolato in base all'analisi delle seguenti informazioni sull' impresa:

  1. Indicatori economico-finanziari: informazioni sintetiche e di trend ricavate     dalle poste di bilancio degli ultimi 3 anni
  2. Indicatori gestionali: informazioni circa le relazioni bancarie del cliente e il     loro andamento passato
  3. Indicatori qualitativi: informazioni relative alla valutazione attuale e     potenziale del settore di attività e dell'organizzazione interna.
    Tali informazioni vengono trasformate in un punteggio che riflette la classe di rischio di appartenenza di un cliente.
    Le imprese, con l'entrata in vigore degli accordi di Basilea 2, per continuare ad intrattenere rapporti ottimali con gli istituti di credito, dovranno dotarsi di un sistema interno di controllo di gestione che permetta loro di migliorare le performance gestionali, e che fornisca al management informazioni immediate circa le criticità dei fatti aziendali, nonché di un sistema di pianificazione finanziaria e rendicontazione delle informazioni, a preventivo ed a consuntivo, richieste dal sistema bancario.

Il sistema di consulenza proposto dalla PROIM Srl tende ad affrontare e risolvere le criticità sopra evidenziate, con l'implementazione delle seguenti attività:

  1. Check-up aziendale: analisi della situazione aziendale ed in particolare della struttura organizzativa della situazione finanziaria e dei rapporti bancari.
    Saranno così individuate le criticità aziendali con particolare riguardo a quelle che influenzano il rating dell'impresa.
  2. Programmazione e controllo: identificazione degli obiettivi da raggiungere ed individuazione delle linee di azione e proposta degli interventi correttivi per massimizzare i benefici economici, finanziari e organizzativi con definizione dei costi. L'attenzione sarà focalizzata su: miglioramento dei processi decisionali, adeguamento della struttura organizzativa ad un sistema di controllo di gestione, pianificazione e controllo dei flussi finanziari.
  3. Assegnazione all'azienda di uno scoring, ottenuto seguendo una metodologia simile a quella con la quale gli istituti di credito attribuiscono il rating ai loro clienti.
  4. Monitoraggio: evidenziazione dei risultati conseguiti e loro confronto con i risultati programmati, analisi degli scostamenti, segnalazione all'azienda di eventuali criticità ed indicazione dei possibili correttivi.
  5. Formazione del personale per le attività oggetto della consulenza.
  6. Predisposizione di report periodici: l'impresa sarà in grado di fornire alla banca informazioni adeguate, tempestive, attendibili, strutturate e periodicamente aggiornate sulla propria posizione economico-competitiva e sulla conseguente capacità di generare flussi di liquidità sufficienti a rimborsare i finanziamenti ottenuti
PROIM Srl - Contrada Lecco - Tel. 0984/403690 - Fax 0984/838260 - 87036 Rende (CS)
Reg. Imprese CS n. 01904080783 (Corrisponde alla P. IVA) Cap. sociale Euro 10.200